Al mandolin de Lelo

Murale dipinto da Vico Calabrò nel 1980

Vico Calabrò è un pittore poliedrico di fama internazionale, che spazia tra molteplici tecniche pittoriche. Ha lungamente studiato i murales fin dall’inizio degli anni ’60, ma il primo lo realizza solo nel 1974. Successivamente ne dipinge e ne insegna la tecnica in molti paesi europei, in Giappone, Brasile e Messico.

Vico ci racconta la storia di Lelo De Placido, operaio di una fabbrica di occhiali che, nel tempo libero, amava costruire strumenti musicali per poi suonarli.

Vico decide di dipingere un’opera allegra, utilizzando forme espressive care al maestro russo Marc Chagall, per rendere visivamente le sensazioni che la musica trasmette. Lelo suona e la melodia si trasforma in un angelo che porta gioia e serenità a chi la ascolta.

Vico Calabrò assumerà l’incarico di coordinatore artistico dei Murales di Cibiana. Grazie alla competenza ed alla autorevolezza universalmente riconosciutegli, riuscirà ad ottenere la collaborazione di molti tra i maggiori artisti figurativi anche a livello internazionale per la realizzazione dei murales.

Una curiosità, Lelo amava anche costruire orologi. Per questo motivo Vico ne inserisce uno, in alto a sinistra, dando contemporaneamente più equilibrio alle masse